Manutenzione dell’impianto fotovoltaico: tutto quello che c’è da sapere

Se hai installato un impianto fotovoltaico domestico, oppure se stai pensando di installarlo a casa tua e ti preoccupa la manutenzione, allora questo post fa al caso tuo!

Un impianto fotovoltaico non presenta particolari criticità, anzi la manutenzione è quasi inesistente, poco invasiva e non particolarmente onerosa. Il più delle volte si traduce, per quanto riguarda la manutenzione ordinaria dell’impianto fotovoltaico, in azioni di pulizia e di controllo, con cadenze non troppo serrate, ma che sono utili per garantirti sempre la massima sicurezza di utilizzo

La manutenzione straordinaria di un impianto fotovoltaico, invece, riguarda tutti quegli interventi necessari per ripristinare il corretto funzionamento dei moduli fotovoltaici o di qualunque altra parte che compone l’impianto, al fine di ottenere prestazioni continue nel corso del tempo.

Nei prossimi paragrafi approfondiremo quali sono gli aspetti legati alla manutenzione dei pannelli fotovoltaici e quali sono gli step da seguire per garantire un funzionamento impeccabile del proprio impianto.

impianto

Perché fare la manutenzione dell'impianto fotovoltaico

Quando si ha un qualsiasi elettrodomestico o impianto è sempre bene effettuare controlli periodici per valutarne le funzionalità e le performance. Lo stesso discorso può valere per la manutenzione dell’impianto fotovoltaico.

In seguito all’installazione dell’impianto, infatti, si possono effettuare delle verifiche periodiche con lo scopo di mantenere sempre elevati i livelli di produttività di energia. La buona notizia è che gli interventi di manutenzione ordinaria non hanno costi particolarmente elevati e ti consentono di prenderti cura del tuo impianto fotovoltaico nel corso del tempo.

Le attività di manutenzione hanno anche la finalità di prolungare la durata o la vita di tutti i componenti che costituiscono l’impianto fotovoltaico, e di verificare anche la tenuta dei sistemi di ancoraggio.

Manutenzione ordinaria: chi può farlo e come farla

La manutenzione ordinaria di un impianto fotovoltaico può essere effettuata anche dal proprietario dell’impianto tramite prodotti specifici presenti sul mercato. Tuttavia, anche un intervento come quello della pulizia deve essere effettuato da un tecnico specializzato quando si verificano alcune condizioni che riguardano la posizione, la raggiungibilità e l’esposizione agli agenti climatici, quali ad esempio il vento.

Per esempio, se i pannelli fotovoltaici si trovano sui tetti e l’accesso presenta diverse criticità e precauzioni di sicurezza, allora rivolgersi al tecnico specializzato è necessario per ottenere un lavoro effettuato con strumentazioni e abbigliamento adeguati.

La manutenzione ordinaria con pulizia dei pannelli fotovoltaici dovrebbe essere prevista dopo due anni dalla prima installazione dei pannelli e proseguire poi con questa cadenza.

La vita media di un impianto fotovoltaico è di circa 25 anni, per cui una corretta manutenzione effettuata regolarmente consente di tenere in perfetto stato anche un impianto più utilizzato, e anche di allungare la vita dei componenti.

Lo scopo della manutenzione ordinaria è di natura preventiva: il tecnico si limita a un controllo a vista delle componenti dell’impianto fotovoltaico ed effettua la pulizia dei pannelli solari. Siccome si tratta di un intervento non particolarmente oneroso o invasivo, si può effettuare anche una volta l’anno per assicurarsi che non ci siano guasti, malfunzionamenti o pericoli per l’incolumità.

Inoltre, un impianto fotovoltaico funzionante consente di ottenere performance ottimali che ci aiutano a risparmiare sulla bolletta, oltre a produrre un’energia totalmente green.

Ci sono alcuni eventi, infatti, che possono condizionare la redditività del pannello fotovoltaico, come ad esempio i depositi di polvere. Se la tua abitazione si trova vicino al mare o nei pressi di una zona industriale, allora è consigliabile effettuare la pulizia con maggiore frequenza.

Lo stesso vale per chi abita in zone particolarmente alberate oppure a ridosso di boschi e pinete, perché foglie e altri residui vegetali potrebbero coprire la superficie del modulo fotovoltaico impedendone il funzionamento corretto.

Generalmente è la pioggia che lava via i depositi dai pannelli, ma ci sono zone dove la minor incidenza delle precipitazioni può favorire l’accumulo di pulviscoli, che tendono ad accumularsi sulla superficie del pannello fotovoltaico.

In più, se sono presenti macchie persistenti, evitare l’utilizzo di kit fai da te e spazzole, che non sempre sono risolutivi. Insomma, il consiglio è sempre quello di affidarsi a chi ha le competenze riconosciute per eseguire l’intervento, così da non correre il rischio di rovinare irreparabilmente il pannello solare.

Quando effettuare la pulizia del pannello fotovoltaico?

Per effettuare la manutenzione degli impianti fotovoltaici si consiglia di intervenire in quel periodo di tempo che intercorre tra la fine dell’autunno e l’inizio della primavera.

Il clima più favorevole per le attività in quota rende più semplici le operazioni di pulizia. Inoltre, andando incontro al periodo di maggior produzione di energia, è chiaro che questa tipologia di intervento ci consente di sfruttare al meglio le caratteristiche del nostro impianto.

Quali sono altri interventi di manutenzione ordinaria di un impianto fotovoltaico

Oltre alla pulizia del singolo modulo fotovoltaico, la manutenzione ordinaria preventiva può essere richiesta anche per effettuare un controllo completo dell’impianto fotovoltaico attraverso:

  • Verifica delle funzionalità di sistema: serve a comprendere se la produzione di energia è costante e se le performance sono nella norma
  • Ispezione visiva dei moduli fotovoltaici e della componentistica associata e del quadro elettrico: è utile per capire se i moduli sono in buono stato e se il quadro elettrico funziona correttamente
  • Controllo delle componenti di serraggio meccanico, strutture e moduli: questo aspetto è importante per garantire la sicurezza dell’installazione
  • Valutazione delle performance degli inverter attraverso il monitoraggio del voltaggio
  • Verifica della presenza del liquido antigelo e dell’eventuale formazione di bolle d’aria all’interno dell’impianto

Nel caso in cui l’impianto sia dotato di accumulatori, può essere eseguito un controllo sulle apposite batterie.

Tutti questi controlli sono sempre pensati per allungare la vita dell’impianto e renderlo sempre efficiente e funzionante.

Manutenzione straordinaria: intervento dei tecnici specializzati

Come suggerisce il nome stesso, la manutenzione straordinaria non può essere programmata ma serve per far fronte ad eventi imprevisti e a malfunzionamenti, oppure per sostituire dei componenti con ciclo di vita limitato rispetto a quello dell’intero impianto.

Come abbiamo accennato in precedenza, può essere conveniente effettuare, a partire dai due anni di vita dell’impianto, la pulizia dei pannelli fotovoltaici e un check up completo con lo scopo di verificarne l’efficienza e la continuità delle performance.

Quando effettuare altri interventi di controllo?

Generalmente si deve effettuare un controllo dell’impianto, e in particolare dei pannelli solari, quando si verificano degli eventi meteorologici fuori dal comune.

Per esempio, se ci sono grandi nevicate che generano accumuli sui pannelli, questi ultimi sono incapacitati a svolgere la loro funzione. Se il sole non basta a sciogliere gli accumuli, occorre intervenire per il ripristino della funzionalità dei moduli fotovoltaici.

Per rimuovere la neve si sconsiglia l’uso del sale, che è corrosivo; allo stesso tempo, sarebbe meglio intervenire sempre prima che la neve ghiacci, altrimenti bisogna aspettare che esca il sole per renderla nuovamente morbida. Non si deve assolutamente raschiare la neve dal pannello per non rovinare la superficie.

Le forti grandinate sono un potenziale nemico. In alcune regioni del nostro Paese, le grandinate causano ingenti danni. In caso di eventi particolarmente persistenti e caratterizzati da chicchi di dimensioni abbastanza grandi, è necessario controllare che la superficie del pannello sia rimasta intatta e non abbia subito danni.

Allo stesso modo, se si sono verificate giornate con venti che soffiano oltre la norma stagionale, allora potrebbe essere il caso di verificare i componenti di ancoraggio, che potrebbero aver subito una particolare sollecitazione.

Quando bisogna rivolgersi a un tecnico specializzato per la manutenzione straordinaria dei pannelli fotovoltaici?

Oltre alla questione degli agenti atmosferici che possono influire sulle prestazioni dei moduli fotovoltaici, altre tipologie di problematiche sono rappresentate dalle anomalie di funzionamento. Come tutti gli impianti, anche un buon impianto fotovoltaico ha bisogno di una revisione se le performance calano.

Il consiglio, trattandosi sempre di un’apparecchiatura connessa all’impianto elettrico, è quello di evitare le riparazioni fai da te per non peggiorare il danno. In più, il tecnico specializzato ha strumentazioni adeguate, utili per effettuare una corretta diagnostica del problema e saprà intervenire in base al tipo di intervento necessario.

Quando ci accorgiamo di un’anomalia di funzionamento, bisogna essere tempestivi nel contattare il servizio di assistenza. Prima si avviano le procedure e la revisione dell’impianto, prima è possibile intervenire sul guasto ed evitare che peggiori.

La tempestività diventa importante in questi casi anche ai fini dell’ottimizzazione dei costi. In tal senso, l’impianto fotovoltaico viene monitorato attraverso un apposito sistema che consente di valutare da remoto le performance. Ciò permette al tecnico di capire in termini quantitativi l’energia prodotta e di comprendere quali componenti non funzionano come dovrebbero.

Abbiamo visto quali sono le differenze tra manutenzione ordinaria e straordinaria di un impianto fotovoltaico e quando queste ultime vanno effettuate.

Le best practice per la gestione corretta del proprio impianto fotovoltaico, quindi, sono le seguenti:

  • Effettuare interventi di pulizia almeno dopo due anni dall’installazione
  • Effettuare le operazioni di pulizia a inizio primavera
  • Effettuare un check up sulle performance almeno una volta l’anno per assicurarsi che i valori siano costanti e che il rendimento sia conforme a quello indicato dalla casa produttrice
  • Rivolgersi sempre a un tecnico specializzato per la pulizia se i pannelli sono difficilmente raggiungibili e se si notano anomalie di funzionamento

Se stai pensando all’installazione di un impianto fotovoltaico per la tua casa, potrai ottenere energia green, ottimizzare i costi in bolletta e contenere anche le spese di manutenzione dell’impianto grazie a pochi e semplici accorgimenti.