Come risparmiare energia: 10 consigli utili

Da sempre ci chiediamo come poter risparmiare energia. Partiamo innanzitutto dicendo che l’uomo è un grande consumatore di energia. Potremmo quasi dire che ne è totalmente dipendete. Ognuno di noi, infatti, usa energia per i motivi più disparati: per illuminare la propria casa, per guardare la tv, per sopportare meglio il caldo torrido delle giornate estive. 

Nonostante la dipendenza dall’energia però, sempre più spesso si sente parlare dell’importanza del risparmio energetico. Le motivazioni principali sono tre: il costo dell’energia, l’esaurimento dei combustibili fossili e l’inquinamento causato dagli stessi al fine di bloccare i cambiamenti climatici che ogni anno continuano a mettere a rischio interi ecosistemi.

I costi dell’energia

Nel corso degli ultimi mesi il costo di gas ed energia elettrica è notevolmente aumentato, con un’impennata che ha fatto crescere i prezzi fino al 55% in più.

Tale aumento è dovuto all’elevato costo delle materie prime che vengono immagazzinate e sfruttate al fine di produrre energia. A causa della loro scarsità, di una forte crescita della domanda e di importanti squilibri geopolitici, negli ultimi mesi il loro prezzo è salito alle stelle, mettendo a dura prova moltissime famiglie italiane.

costi energia

L’esaurimento delle risorse

La gran parte dell’energia che viene prodotta ogni anno, nasce dallo sfruttamento di risorse naturali, più precisamente dallo sfruttamento di combustibili fossili come il carbone o il petrolio. Tali risorse però, non sono rinnovabili e inesauribili, bensì tendono man mano a ridursi e a scomparire.

A causa dell’elevato fabbisogno energetico mondiale, i consumi di tali combustibili stanno aumentando talmente tanto da mettere a rischio le scorte presenti nei giacimenti: la quantità di combustibili che utilizziamo è superiore alla quantità prodotta in natura. Ciò significa che se non riduciamo i nostri consumi, arriverà un giorno in cui queste risorse si esauriranno. Secondo alcuni esperti, le scorte potrebbero esaurirsi tra soli quaranta anni.

Proprio per queste ragioni, è più che mai importante iniziare a ridurre i propri consumi energetici e a consumare energia in modo più responsabile.

L’inquinamento

L’elevato consumo di combustibili fossili ha un doppio impatto negativo. Se da un lato bisognerebbe ridurlo per evitare l’esaurimento delle risorse, dall’altro anche l’ambiente ci ringrazierebbe.

La continua combustione di questi elementi, infatti, fa sì che vengano emessi dei gas nell’aria. Tra questi, il più conosciuto è sicuramente la CO2. Questa, conosciuta anche come anidride carbonica, è uno dei principali gas serra, ovvero un gas che riesce ad imprigionare i raggi solari e a trattenerne il calore. Di conseguenza, un’eccessiva produzione di CO2 fa sì che la temperatura terrestre aumenti, causando cambiamenti climatici e inquinamento. Una riduzione dell’uso dei combustibili, quindi, sarebbe determinante per la salvaguardia del pianeta e per il rallentamento dei cambiamenti climatici che da anni stanno turbando il nostro pianeta.

10 consigli utili per ridurre il consumo di energia

Le azioni quotidiane che possiamo mettere in atto per risparmiare energia sono davvero molte e soprattutto, sono davvero semplici. Sebbene spesso si pensi di non poter fare niente per aiutare l’ambiente, bastano davvero pochi e piccoli gesti per dare il nostro contributo nella lotta allo spreco e al cambiamento climatico. Ridurre i consumi, infatti, non significa non consumare, bensì farlo in modo più consapevole, più attento e più sostenibile; significa trovare soluzioni alternative per rendere la propria casa più efficiente.

Non ci credete? Ve lo dimostreremo noi. Qui di seguito riporteremo 10 consigli che vi aiuteranno a ridurre i consumi e a fare del bene all’ambiente.

  1. Sostituire le vecchie lampadine

Un metodo per consumare meno energia e risparmiare anche sul costo delle bollette è sicuramente quello di sostituire le vecchie lampadine con quelle a LED. Si stima infatti che grazie a questa tecnologia sia possibile risparmiare circa il 95% dell’energia rispetto all’utilizzo di lampadine a incandescenza, il 90% rispetto alle lampade alogene e il 60% rispetto a quelle a fluorescenza. Inoltre, la vita delle lampadine a LED è molto lunga: circa 20 anni. Questo significa che grazie al loro utilizzo si avranno meno lampade da sostituire e si ridurrà anche la produzione di rifiuti.

  1. Staccare le prese

Per risparmiare energia è importante evitare quella che in molti chiamano “carica fantasma”. Con questo termine si definisce un’abitudine molto diffusa nelle case di tutto il mondo, ovvero quella di lasciare le prese dei dispositivi elettronici e dei carica batterie attaccate alla corrente anche mentre non sono in uso. Pensiamo, ad esempio, a quante volte lasciamo il caricatore del telefono attaccato alla corrente dopo che il dispositivo è stato staccato oppure a quante spie accese abbiamo in casa senza che stiamo utilizzando alcun elettrodomestico. Questo significa che tali dispositivi continuano a consumare energia anche se sono spenti.

Secondo uno studio americano, la “carica fantasma” avrebbe un costo annuo di circa 90 euro. Ciò significa che, scollegando le prese, si possono risparmiare circa 8 euro al mese.

  1. Ricordarsi di spegnere la luce

Per risparmiare a volte basta veramente poco, come ricordarsi di spegnere sempre la luce quando cambiamo stanza o quando usciamo di casa. Si tratta di una delle azioni più banali da poter mettere in pratica per alleggerire la propria bolletta, ma, nonostante ciò, è un errore in cui tutti noi incappiamo. Dimenticanze del genere, seppur piccole, creano un alto e inutile dispendio energetico che alla fine dell’anno va ad avere un peso non indifferente sulla bolletta di casa.

Se la memoria non è la nostra migliore amica, nessun problema! Esistono infatti delle luci dotate di sensori che si accendono in modo automatico quando si entra nella stanza, per poi spegnersi quando si esce.

  1. Ottimizzare l’utilizzo di lavatrice e lavastoviglie

La lavatrice e la lavastoviglie sono due elettrodomestici tra i più diffusi. Ma siamo sicuri di conoscerli davvero? Forse non tutti sanno che il consumo di energia di questi due elettrodomestici non è da ricondurre all’energia necessaria per attivare il motore, bensì a quella necessaria a scaldare l’acqua.

Per questo motivo lavatrice e lavastoviglie dovrebbero essere avviate quando sono a pieno carico e dovrebbero essere impostate a temperatura bassa o in modalità “eco”: con lavaggi inferiori ai 60°C, si può risparmiare fino al 30% dell’energia!

  1. Ottimizzare l’utilizzo del forno

Utilizzare il forno in modo corretto può aiutare a risparmiare energia. Pulirlo regolarmente, ad esempio, fa sì che il calore si diffonda in modo migliore, cuocendo meglio gli alimenti. Anche evitare di aprirlo durante la cottura è un gesto che può favorire il risparmio in quanto farlo produrrebbe una dispersione del calore costringendo il forno a consumare ulteriore energia per tornare a temperatura.

  1. Utilizzare elettrodomestici di classe energetica A

Anche la scelta degli elettrodomestici ha un impatto sui consumi domestici. Elettrodomestici di vecchia generazione, ovvero di classe inferiore alla A, hanno dei consumi molto più elevati rispetto alle loro versioni più nuove e sostenibili. Per questo motivo, si consiglia di acquistare modelli di ultima generazione con classe energetica A. Tali dispositivi hanno dei costi più elevati, ma risultano essere dei veri e propri investimenti: grazie alla nuova tecnologia, riescono a consumare meno energia sia durante l’utilizzo sia durante la modalità stand-by.

  1. Scegliere gli infissi giusti

Scegliere i giusti infissi è fondamentale per ottimizzare i consumi. Si stima infatti che la dispersione termica causata da vecchi infissi sia una delle maggiori cause di eccessivi consumi energetici. Per questo motivo si consiglia di scegliere degli infissi in grado di mantenere stabile la temperatura all’interno della casa. Tra questi, troviamo sicuramente quelli in PVC, materiale dall’alta efficienza termica.

  1. Disporre correttamente gli alimenti in frigo

Una cosa che non tutti sanno è che la posizione degli alimenti in frigo condiziona molto il consumo di energia dell’elettrodomestico. Se il frigo è troppo pieno, oppure se ci sono delle zone vuote e altre colme, questo faticherà di più a mantenere la giusta temperatura, aumentando così il suo consumo di energia.

Si consiglia quindi di distribuire gli alimenti sui vari ripiani in modo ordinato e di non inserirvi mai cibi ancora caldi, in quanto farebbero diminuire la temperatura interna.

  1. Sfruttare la luce del sole

In una casa green, durante le ore diurne, l’unica fonte di luce dovrebbe provenire dal sole.

Tenere le persiane aperte e favorire l’entrata della luce del sole nella casa, è un ottimo metodo per risparmiare energia. Sfruttare la luce naturale, infatti, permette di evitare l’utilizzo dell’illuminazione artificiale, favorendo forti risparmi sulla bolletta.

Ma c’è di più: oltre ad illuminare le stanze, la luce del sole ne favorirà anche il riscaldamento, facendo abbassare anche il consumo di gas.

  1. Installare un impianto fotovoltaico

Un’altra soluzione per avere grandi risparmi energetici è installare un impianto fotovoltaico sopra al tetto della propria abitazione. L’impianto permetterebbe di autoprodursi l’energia per poi consumarla, evitando di acquistare quella in rete: ogni chilowatt prodotto, corrisponde a un chilowatt in meno da pagare in bolletta.

Per sfruttare il pannello fotovoltaico al meglio e massimizzare il risparmio, la mossa migliore sarebbe quella di utilizzare gli elettrodomestici nelle ore in cui l’impianto produce più energia, quindi, durante le ore del giorno in cui c’è più luce.

Per risparmiare ancora di più, esistono anche pannelli fotovoltaici con batterie di accumulo. Si tratta di sistemi di ultima generazione che permettono di immagazzinare l’energia prodotta dal pannello durante le ore diurne, per poi sfruttarla la sera quando il pannello non produce più energia.

Se volete conoscere meglio le soluzioni a vostra disposizione, visitate il sito di NWG Italia (link). Qui potrete scoprire tutti i nostri prodotti e trovare le informazioni necessarie a scegliere quello più adatto alle vostre esigenze!

batterie da accumulo

Siete pronti a ridurre i consumi?

Quelli sopra sono solo alcuni dei piccoli gesti che si possono mettere in atto per risparmiare energia. Oltre a questi però, ce ne sono anche molti altri che non abbiamo elencato. Ciò che è certo è che qualsiasi siano le azioni quotidiane volte al risparmio energetico, queste avranno un doppio beneficio: faranno del bene al portafoglio e soprattutto, faranno del bene all’ambiente.

Non ci resta quindi che abbracciare nuove piccole abitudini e metterci all’opera per un futuro migliore!

Altri contenuti che potrebbero interessarti...